Il TG3 della Lombardia riprende per la prima volta i canali sotterranei dell’Arena Civica

Il TG3 della Lombardia riprende per la prima volta i canali sotterranei dell’Arena Civica

Si sono svolte oggi, presso l’Arena Civica di Milano, le riprese televisive condotte da una troupe del TG3 della Lombardia. Lentamente il patrimonio costituito dagli antichi canali d’acqua presenti sotto questo monumento cittadino, e da poco scoperti, sta suscitando l’interesse degli organi di informazione e delle autorità civiche. La nostra speranza come SCAM è che un domani i milanesi possano avere l’opportunità di visitare di persona questi gioielli architettonici. Un sentito ringraziamento al Direttore dell’Arena Civica Edgardo Tezzon per la squisita disponibilità. A breve comunicheremo il giorno e l’ora in cui il servizio verrà trasmesso.

 

Nelle profondità del Castrum

Nelle profondità del Castrum

Ogni qualvolta scendiamo nei più profondi recessi del Castello di Milano aggiungiamo un tassello, seppure piccolo, a quanto noi s’era scoperto, documentato e compreso in precedenza.

Passo dopo passo un particolare nuovo va a rafforzare la consapevolezza che al di sotto del noto vi siano altri chilometri di opere che attendono d’essere ripercorse.

Il dettaglio della planimetria redatta dall’Ass.ne S.C.A.M. mostra un ambiente destinato alla difesa dello spazio “verso la campagna”, composto da una casamatta rimaneggiata nel tempo e sotto cui è stato fatto correre un condotto idraulico.

Oggi abbiamo la certezza che inferiormente, quindi alla plausibile quota di 113 metri s.l.m., vi sia un altro sistema di ambienti, verosimilmente quattrocenteschi.

Ora non rimane che guardare… dietro quella porta!

Castello Sforzesco. C’è sotto qualcosa?

C’è sotto qualcosa?

Il Rivellino di Santo Spirito è l’unico rivellino integro del Castello di Porta Giovia. A percorrerlo tutto parrebbe che non nasconda alcunché d’insolito, ma ci si sbaglia.

Ad esempio vi sono le feritoie a pavimento dove fare scorrere le saracinesche le quali, una volta calate nel buio, chiudevano la sottostante galleria.

Dopo averlo visitato tornate sui vostri passi e osservatelo dall’esterno: noterete l’accesso alla galleria, riquadrata in conci chiari, attraverso la quale defluiva l’acqua del fossato.

 

Contromina del Solstizio

Contromina del Solstizio

Se pensate che il Castello di Porta Giovia non abbia oramai alcunché da nascondere vi sbagliate.

Tempo fa è stata esplorata un’opera sotterranea che faceva parte della Fortezza Reale, ovvero la cittadella bastionata d’epoca spagnola che circondava completamente il Castello di Milano.

Alcuni recenti lavori di consolidamento avevano messo in luce, tagliandolo, uno strano cunicolo in mattoni comunicante, verso il fondo e attraverso un pozzetto, con un secondo tratto di galleria. Esaminato il tutto da cima a fondo abbiamo concluso che si trattasse dei resti di una contromina, riutilizzata come scarico per le acque piovane una volta abbattuta la bastionatura.

Se non sapete che cosa sia una “contromina” continuate a seguirci sul sito e vedrete che prima o poi ne parleremo in dettaglio.

Ma perché “del Solstizio”?

Semplicemente, quando abbiamo esplorato l’opera sotterranea, era il giorno 21 giugno… Solstizio d’Estate.