Arena Civica di Milano: sperimentazioni didattiche

Arena Civica di Milano: sperimentazioni didattiche

Lunedì 11 giugno 2018, dalle ore 17,00 alle ore 19,30 presso l’Arena Civica di Milano, nella bella e prestigiosa cornice della Palazzina Appiani, sono stati presentati gli esiti delle sperimentazioni didattiche degli studenti del Politecnico di Milano.

I progetti, seguiti alle analisi sul campo, sono stati realizzati dagli studenti del Laboratorio per la conservazione delle architetture complessedel Politecnico di Milano, diretti dai docenti Elsa Garavaglia, Maria Cristina Giambruno e Franco Guzzetti.

Roberta Guaineri,Assessore al Turismo, Sport e Qualità della Vita, ha introdotto le presentazioni sottolineando l’utilità delle sinergie tra Università e Comune di Milano, manifestando l’apprezzamento per il lavoro svolto.

Il Direttore dell’Arena Edgardo Tezzon, resosi sempre disponibile nel corso dei lavori, ha ringraziato tutti gli studenti per l’impegno, invitandoli a continuare sulla strada intrapresa e riconoscendo il fondamentale apporto dei giovani nella società di oggi e di domani per il miglioramento della qualità della vita nei centri urbani.

Difatti l’Italia deve mettersi nell’ottica di poter divenire, a breve termine, un “giardino d’architetture”, esempio per le altre Nazioni europee ed extraeuropee.

Hanno concluso Ippolito Edmondo Ferraio e Gianluca Padovan illustrando le ultime esplorazioni alle rogge oggi sotterranee, che in passato alimentavano d’acqua l’Arena per le naumachie.

Ora si auspica una maggiore attenzione a questo mondo sotterraneo metropolitano affinché vi possa essere un suo recupero, per il consono studio e per una prospettiva d’apertura al grande pubblico.

 

 

Proposte per la conservazione e la valorizzazione dell’Arena civica e dei suoi canali  ipogei

Proposte per la conservazione e la valorizzazione dell’Arena civica e dei suoi canali ipogei

Proposte per la conservazione e la valorizzazione dell’Arena civica e dei suoi canali  ipogei

Presentazione degli studi e delle sperimentazioni didattiche degli studenti del Laboratorio per la conservazione delle architetture complesse. Corso di laurea magistrale in Architettura delle Costruzioni, Scuola di Architettura, Urbanistica Ingegneria delle costruzioni del Politecnico di Milano.

Il programma prevede i saluti istituzionale di Roberta Guaineri, Assessore al Turismo, Sport e Qualità della vita, l’introduzione di Edgardo Tezzon, direttore dell’Arena civica e gli interventi dei docenti e degli speleologi dell’associazione S.C.A.M. Infine Milanoguida offrirà spunti di riflessione sulla valorizzazione della Milano sotterranea attraverso i percorsi di visita.

QUANDO: Lunedì 11 giugno 2018 dalle ore 17 alle ore 19,30

DOVE: Palazzina Appiani presso Arena civica, Parco Sempione viale Byron n. 2 Milano – INGRESSO LIBERO

Si allega la locandina con il programma.

Locandina_def_Arena civica_110618 Locandina_def_Arena civica_110618

L’esplorazione dell’antica Roggia Rigosella in una serie di immagini

L’esplorazione dell’antica Roggia Rigosella in una serie di immagini

Ancora una volta gli speleologi dello SCAM (Associazione Speleologia Cavità Artificiali Milano) hanno dimostrato che la città di Milano, in particolare il suo sottosuolo, è ricco di testimonianze storiche. Nell’ambito di un ampio studio condotto dal Politecnico di Milano, gli esperti del sottosuolo hanno completato l’esplorazione dei canali un tempo funzionali alle naumachie che si realizzavano all’interno dell’Arena Civica. Sul campo, supportati dal Direttore dell’Arena Civica Edgardo Tezzon e dalla Professoressa Maria Antonietta Breda del Politecnico di Milano, si sono ritrovati Gianluca Padovan, Francesco Ragozzino e Ippolito Edmondo Ferrario. L’esplorazione ha evidenziato purtroppo la presenza di numerosi scarichi fognari che si immettono all’interno della Roggia Rigosella.

 

 

Archeologia dell’Acqua Potabile a Milano. Un nuovo libro

Archeologia dell’Acqua Potabile a Milano. Un nuovo libro

Parlando di Milano e soprattutto del suo sottosuolo non poteva mancare lo studio sull’opera più importante: l’Acquedotto Civico.

Il primo pozzo profondo è stato realizzato nel 1888 presso l’Arena Civica e l’anno successivo il primo tratto di acquedotto urbano è entrato in funzione. Il libro ripercorre dunque le tappe che nell’arco di tre secoli hanno portato alla costruzione di decine di stazioni di pompaggio.

Una prima parte del libro introduce l’argomento parlando dei pozzi ordinari non solo milanesi, indagati dagli speleologi dell’Ass.ne SCAM e della FNCA; una seconda parte riguarda invece gli acquedotti antichi indagati sempre da SCAM e FNCA nel Lazio, in Lombardia, in Piemonte e nelle Marche con l’Acquedotto dei Piceni (detto anche “Buco del Diavolo”) rilevato e già pubblicato nel 2000.

Archeologia dell’Acqua Potabile a Milano. Dagli antichi pozzi ordinari al moderno sistema di acquedotto urbano è stato scritto da Maria Antonietta Breda & Gianluca Padovan e pubblicato nei BAR (British Archeological Reports – Oxford).

Si tratta del decimo libro della Collana Hypogean Archaeology– Research and Documentation of Underground Structuresdella Federazione Nazionale Cavità Artificiali (F.N.C.A.). La Collana è nata per volontà di alcuni soci dell’Associazione S.C.A.M. nel 2007 e il primo numero è stato: Italian Cadastre of Artificial Cavities.

L’Associazione S.C.A.M. aveva già pubblicato due libri con i BAR:

– Gianluca Padovan, Civita di Tarquinia, Indagini Speleologiche. Catalogazione e studio delle cavità artificiali rinvenute presso il Pian di Civita e il Pian della Regina, BAR International Series 1039, Oxford 2002.

– Gianluca Padovan (a cura di), Archeologia del Sottosuolo. Lettura e studio delle cavità artificiali, BAR International Series 1416, Oxford 2005.

Buona lettura!